Il libro Volare Alto

L’evento.

Il progetto “Andata Ritorno”, ideato a Vicenza nel 2017 da Giulia Manea e Valerio Di Fiori è partito con l’obiettivo di coinvolgere attivamente gli appassionati della natura e tutti coloro che hanno a cuore la valorizzazione del proprio territorio. Da subito, dunque, erano state pensate e proposte una serie di iniziative tra sport, cultura e turismo. La pubblicazione di un libro, che raccogliesse le 16 tappe dell’itinerario percorso tra l’estate e l’autunno del 2017, era una di queste. Ora quel libro è divenuta realtà: un volume di circa 150 pagine ricco di curiosità, storie, splendide foto e contributi sotto forma di interviste curate dal giornalista sportivo Luca Pozza.

Il 14 giugno alle 20:00 (Unione Collector, Viale S. Agostino 470 – Vicenza) si terrà la presentazione di questo lavoro. La serata vuole essere informale e in linea con lo spirito di condivisione e amore per la montagna alla base del progetto AR.

Segui tutti gli aggiornamenti sull’evento facebook.

Le menti e l’autore del libro.

Giulia Manea. Viaggiatrice seriale e ideatrice nel 2015 di Unione Collector, luogo e progetto di produzione culturale di Tipografia Unione, azienda di famiglia storicamente presente nel territorio vicentino da più di 50 anni. Ha coordinato il progetto A/R e seguito la parte organizzativa.

Valerio Di Fiori. Appassionato di sport fin da ragazzino, non poteva immaginare ciò che in futuro la montagna avrebbe rappresentato per lui: una palestra rigorosa oltre che simbolo del proprio percorso di vita. Ha ideato e provato l’itinerario diviso in 16 tappe percorse, poi, tra giugno e ottobre 2017.

Luca Pozza. Risiede a Vicenza, città dove è nato. Laureato in scienze politiche all’Università di Padova, svolge la professione di giornalista. Dipendente del Gazzettino di Venezia, è corrispondente da Vicenza per il quotidiano Tuttosport e per l’Agenzia Ansa. Luca Pozza, che ha già alle spalle altre quattro pubblicazioni, tutte legate al mondo dello sport, propone differenti punti di vista sulla montagna, tramite la modalità dell’intervista a cinque personaggi.

Il significato del titolo Volare Alto

Il titolo Volare Alto nasce da due punti essenzialmente. Uno è il voler richiamare i sette gruppi montuosi attraversati nel 2017, durante l’entusiasmante avventura AR. Tra le varie bellezze naturalistiche abbiamo scoperto il Monte Altissimo di Nago, Monte Stivo, Monte Boldone, la Valle dei Laghi e le Dolomiti del Brenta. Ogni volta si è scoperta una cima o una cresta nuova, dove sentirsi come “accarezzati dal vento”. In altre parole abbiamo vissuto la sensazione di Volare Alto! L’altro aspetto è più intimo se vogliamo, poiché riguarda lo spirito col quale siamo partiti: voler avviare un percorso che unisse amore per la natura e valorizzazione del territorio. Un obiettivo non facile, ma che insieme alle tante persone coinvolte si può raggiungere come testimonia questo libro.

Anche la copertina recupera in parte tali aspetti. Essa è frutto di un originale lavoro di illustrazione digitale, opera del reparto grafica di Tipografia Unione, che reinterpreta due delle tappe che più ci hanno colpiti: la Lessinia e il Lago di Molveno con il Monte Ghez. Il particolare effetto sfumato poi, vuole richiamare l’emozione lasciata da un bel ricordo, che è un punto di arrivo, qualcosa di avvenuto appunto. Allo stresso tempo, però, come la strada in copertina, un ricordo piacevole può diventare anche un nuovo punto di partenza.